Home Staging, cos’è e come funziona?

Nel mercato immobiliare di oggi è sempre più apprezzata l’attività dell’home stager, un professionista che provvede a intervenire da un punto di vista estetico sull’immobile, predisponendolo alla vendita e all’affitto o alla microricettività attraverso contributi non invasivi, rapidi e dai costi contenuti.

L’intervento di home staging è strutturato in tre fasi:

  •  analisi e progetto (consulenza)
  • preparazione fisica dell’immobile (allestimento)
  • messa in vendita (servizio fotografico e inserzione)

Quando si ha bisogno di vendere o affittare un immobile privo di arredamento, occorre immedesimarsi nel potenziale acquirente e rendersi conto che può risultare difficile immaginare dove collocare i propri mobili; quindi una delle soluzioni che si possono adottare per vendere meglio e velocemente è suggerire come arredare lo spazio. 

Home Staging, come funziona?

La “Messa in scena” o Home Staging di un immobile è la nuova strategia di marketing messa a punto dal mercato immobiliare per vendere nel minor tempo possibile e a buon prezzo. 

Ad esempio, nella camera da letto di un appartamento non è indispensabile mettere un letto vero, ma è possibile individuare delle soluzioni, come un materasso gonfiabile che viene vestito di tutto punto attraverso della biancheria di buon gusto oppure dei trucchetti che possano in qualche modo suggerire l’ingombro invece che l’armadio: sono tutti espedienti, che mettono le persone nelle condizioni di apprezzare lo spazio funzionale e quindi di capire quanto grande sia la camera. 

L’Home Staging consente quindi di porre in evidenza i punti di forza della casa e di “nascondere” le debolezze che possono impattare negativamente sul processo decisionale di un potenziale acquirente/investitore. 

Grazie alla strategia di Home Staging è possibile incrementare il valore percepito e concludere l’affare in modo più veloce ed efficace. 

Si pensi, ad esempio, di voler vendere un bilocale di 50 metri quadri ubicato all’interno di un palazzo storico, in questo caso un intervento di home staging permetterà di farlo sembrare ancora più grande e luminoso.

Grazie a questa strategia di “messa in scena” si sarà in grado di venderlo prima, senza dover negoziare sul prezzo. 

Se poi gli interventi migliorativi saranno accompagnati da una strategia di comunicazione efficace e d’impatto, sarà ancora più probabile concludere con successo la vendita di un bene immobiliare su cui investire. 

Bisogna anche sottolineare il fatto che se si vuole vendere un immobile con difetti evidenti, non si può di certo pensare di fare un granchè. 

Ma, sicuramente, grazie ad un’attenta strategia di home staging si può davvero migliorare l’aspetto dell’immobile e aumentare la probabilità di vendita.

Home staging: cos’è?

Che cos’è l’Home staging? Come anticipato in premessa, la strategia di Home Staging o di “messa in scena” è un intervento e strumento che aiuta i proprietari di casa a valorizzare un immobile con l’obiettivo di aumentare il successo della vendita o della locazione. 

Il termine “Home Staging” è costituito dalle parole inglesi “home” (casa) e “stage” (palcoscenico) e allude alla capacità dei validi professionisti di allestire un immobile come se fosse un palcoscenico e di mostrarlo al meglio. 

Home Staging: gli step per vendere/affittare un immobile 

In cosa consiste un intervento di home staging? La strategia di marketing Home Staging è caratterizzata da tre step principali: 

  • analisi e progettazione: in questa fase di valutazione di spazi, proporzioni, tonalità cromatiche ed illuminazione della casa il professionista dell’home staging realizza una proposta di progetto, corredata di rendering 3D, video e fotografie. In questo primo step, inoltre, si valutano costi, tempi di realizzazione e prezzi. Dall’organizzazione di questo primo step ne discende il successo delle fasi successive;
  • home staging virtuale, questa fase comprende solitamente un home book, ovvero un “libro” e una galleria di immagini in cui sono presenti i vari materiali che occorrono per vendere l’immobile. Si tratta di un’arma vincente che consente al proprietario della casa di “fare colpo” sugli investitori; 
  • home staging fisico: si tratta della fase dedicata all’allestimento definitivo della “scenografia”. Proprio in questo step si mettono in evidenza i pregi dell’abitazione, gli arredi e il contesto abitativo. Il potenziale investitore rimarrà incantato ed affascinato dal bene immobile.

Home Staging: quali sono i vantaggi? 

La tecnica dell’home staging è una carta vincente, uno strumento valido sia per gli agenti immobiliari sia per i proprietari che usufruiscono del servizio di staging.

Grazie all’Home staging è possibile:

  • rilanciare, a costi contenuti, un immobile da vendere o da affittare,
  • distinguersi dalla concorrenza, specie se si ha intenzione di sponsorizzare l’immobile online, 
  • fare “colpo” sul potenziale investitore dato che lo staging è un insieme di interventi di manutenzione ordinaria e non necessita di permessi edilizi.

Home staging: a chi rivolgersi? 

L’home stager è il professionista esperto in home staging che unisce le competenze di interior design con quelle di marketing immobiliare.

Si tratta di una sorta di architetto d’interni, anche se in effetti, l’home stager progetta e allestisce l’immobile dei sogni per il potenziale cliente.

Pertanto, lo stesso home stager deve saper interpretare ed individuare quali sono i potenziali bisogni ed esigenze della clientela. 

Deve saper “catturare” l’attenzione e allestire una “scenografia” di grande valore aggiunto. 

Ogni home stager:

  • studia il mercato immobiliare e il target di riferimento,
  • tiene conto della zona in cui si trova l’immobile e del suo valore,
  • cattura l’attenzione della clientela e dei potenziali investitori e li fa “sentire già a casa”. Ad esempio, se un immobile è poco luminoso, l’home stager sceglierà le tonalità cromatiche più adatte per pareti e arredi, userà degli specchi per aumentare la luce e studierà la giusta illuminazione. 

Home Staging: quanto costa?

Affidarsi ad un Home Stager ha un costo, ma consente al proprietario di concludere la compravendita in modo veloce. 

Si tratta di operazioni d’immagine e di restyling dell’immobile che possono davvero fare la differenza.

Oggi ciò che conta più di tutto è l’immagine e l’estetica dell’immobile per poter attrarre l’attenzione. 

Per questo puntare sull’Home Staging oggi potrebbe essere la soluzione più indicata sia per un agente immobiliare che per un proprietario.

Come detto, se un bilocale ha una stanza da letto piccola e semplice, l’home stager può rinvigorire il contesto abitativo tingendo la parete con un bel colore acceso per risaltare i mobili e i piccoli dettagli che possono fare la differenza. 

La cura dei minimi particolari, l’abbinamento dei colori e l’inserimento di cuscini, lampade e tende, consente di dare un nuovo “volto” all’immobile da vendere o da affittare. 

Per aumentare lo spazio del soggiorno e cucina, è buon consiglio riposizionare il divano sotto la finestra e creare uno stacco cromatico che permette di ritrovare una continuità. 

Vuoi ricevere maggiori informazioni o se sei alla ricerca di un immobile su cui investire o sei un proprietario di una casa da vendere, contatta GHR Investimenti e un nostro Consulente immobiliare sarà ben felice di aiutarti. Ti aspettiamo!

Ti piacerebbe avere più informazioni? Compila il form!

diciotto + sette =