FAQ

Il frazionamento immobiliare non è altro che la suddivisione di un immobile in due o più unità immobiliari. Viceversa, l’accorpamento è l’unione di più porzioni di un edificio.
Si sceglie di frazionare un grande appartamento in vendita per due motivi: il primo è che appartamenti piccoli vengono venduti con più facilità, il secondo è che il valore al metro quadro di un appartamento piccolo è maggiore di un appartamento grande.
Il cambio di destinazione d’uso o CDU è la variazione della Destinazione urbanistica e della Categoria catastale.
Viene spesso utilizzato per trasformare un ufficio da A10 in abitazione oppure da negozio C1 ad abitazione
L’Home Staging è l’arte di valorizzare gli ambienti di un appartamento con arredi ad hoc, per massimizzare e velocizzare la vendita.

Moltissimo! Un appartamento ristrutturato e vuoto spesso rende difficile all acquirente immaginarlo arredato, per non parlare degli spazi, vuoti sembrano molto più piccoli!

Fermo restando che è bene che sia il tuo Fiscalista a risponderti, ritengo che operare come persona fisica (acquistando comunque come 2° casa) possa essere un tentativo di capire se si hanno le giuste competenze per intraprendere questa attività.
Successivamente sarà bene strutturarsi come impresa
Preventivi “competitivi” li ottieni solamente dopo diverse operazioni effettuate.
L’Impresa Edile, il Geometra, il Notaio capiranno che con te potranno avere un lavoro continuativo e questo farà scendere sicuramente le loro tariffe.
Altro aspetto molto importante, avere per ogni categoria più professionisti, nel caso di imprese edili ad esempio, mi è capitato che in determinati periodi dell’anno l’impresa mi abbia fatto un preventivo più gonfio del normale in quanto era piena di cantieri; in questo caso ho affidato la ristrutturazione ad un’altra impresa.
Un buon modo per capire se ti piace e se fa per te, è quello di affiancarti ad un professionista del settore, magari proponendogli un’operazione senza nessuna remunerazione, ma con il solo obiettivo di fare esperienza.

La GHR opera in entrambi i casi: acquistando in proprio o facendosi finanziare le operazioni.

Uno dei punti di forza della GHR sono i suoi Collaboratori, siamo sempre alla ricerca di nuovi segnalatori, finanziatori ed investitori immobiliari!
Prendiamo in considerazioni le presentazioni di operazioni immobiliari con ROI non inferiorie al 20%,  accompagnate da un conto economico e da un’analisi di mercato 
Personalmente credo che sia più corretto parlare di “gestori” dell’operazione, in quanto non si è proprietari dell’immobile, ma si gestisce appunto l’operazione.
Un Finanziatore può essere definito come investitore immobiliare o come investitore di capitali.
La GHR quando investe con capitali propri e su operazioni veloci, opera anche al 12%.
Differente quando propone operazioni ai finanziatori, in questo caso non scende mai sotto il 20%
I Collaboratori della GHR suddividono il territorio in zone che a loro volta vengono suddivise in micro zone.
Di ogni micro zona si vedono tutti gli immobili presenti in questo modo si capisce qual’è la tipologia più richiesta e quale quella più offerta.
Nel tempo gli appartamenti visionati vengono venduti e grazie alle collaborazioni con le agenzie di zona, sappiamo a quale prezzo reale sono stati dati via.
Oltre a questo conosciamo tramite l’agenzia delle entrate il numero di transazioni (NTN), ossia quanti appartamenti sono stati venduti nell’anno precedente, in modo da capire se una zona è più liquida di un’altra e quindi quali saranno i tempi di vendita che ci aspetteremo mettendo sul mercato un immobile nuovo.
Fermo restando che la GHR si base sempre su dei conti economici conservativi, il ROI che propone al finanziatore varia da operazione ad operazione, si va da un minimo del 7% ad un 11% circa.
Da tener presente anche in quanto tempo viene realizzato il ricavo, infatti oltre a parlare di ROI, si parla anche di ROI ANNUALIZZATO, lo stesso capitale fatto girare più volte nello stesso anno solare è ben differente da ottenere ad esempio un semplice 13% l’anno.